Biografia

 
Eventi

 

Discografia

 
Acquisti

Sports
YouTube

Facebook

B.Powell

A.C.Jobim
U.Calise
A.Romeo
  

Orixŕs
Candomblč

Capoeira

Str.musicali

La Gajola




IL CORRIERE DEL MEZZOGIORNO
Domenica 9 Gennaio 2000 
--------------------------------------------------------------------------------
"Napoli Slow", un c.d. che ripropone in chiave moderna le melodie classiche
Un disco per celebrare i favolosi Anni Cinquanta

di STEFANO DI STEFANO
...... ho trovato il progetto di Stefano Russo interessante: realizzare un disco che raccogliesse il meglio della musica partenopea degli anni Cinquanta, quella sicuramente piů raffinata ed internazionalmente conosciuta, in cui la melodia classica napoletana seppe incrociarsi con le armonizzazioni jazzistiche". 

Pagine di straordinaria musica di cui furono protagonisti autori napoletani e no, come Lelio Luttazzi, Armando Romeo, Domenico Modugno, Armando Trovajoli e soprattutto Ugo Calise, il cantante e chitarrista di origine molisana naturalizzato ischitano.

"Il mio - spiega, infatti, Russo - č anche un omaggio ad Ugo, di cui sono stato allievo, e che č stato un riferimento fondamentale nella mia formazione di chitarrista cantante".

La scelta dei brani del c.d. č avvenuta sul terreno della qualitŕ compositiva, arricchita dagli intelligenti e colti arrangiamenti di Russo, accompagnato dal sax di Nando Trapani, dal contrabbasso di Massimo Luise e dalle percussioni di Lello Filaci

Ma Stefano č riuscito anche nella difficile impresa di radunare un bel gruppo di protagonisti dell'epoca: Fausto Cigliano (in Accarezzame!, modificata nel controcanto in "Accarezzala!" per evitare fraintendimenti tra le due voci maschili), Peppino di Capri (che per la prima volta ha inciso Strada'nfosa di Modugno, un brano che cantava da giovanissimo al Rangio Fellone, di Ischia), Armando Romeo (autore di Malatia, che ha lasciato eccezionalmente il suo attuale rifugio di Anzio per cantare Te Sto Aspettanno), Cicci Santucci (straordinaria tromba del jazz, che ha voluto prestare la voce "cool" del suo strumento ad Anema e Core e Malatia) ed, infine, Ugo Calise (di cui č stata recuperata una registrazione di Na voce, Na Chitarra E 'O Poco 'E Luna, poi rimontata sulla traccia di Stefano Russo - un esempio di duetto postumo alla Nat e Natalie Cole). Completano il disco Souvenir d'Italie, Appassiunatamente (un brano inedito di Iodice e Russo), Palcoscenico, Che M'Hę 'Mparato A Fa'? e Chella llŕ.